Microcredito imprenditoriale e sociale per le imprese e persone fisiche della Provincia di Benevento

Scritto da Erminia. Pubblicato in Senza categoria

Premessa
Grazie al generoso contributo di un privato donatore, è stato realizzato nella Provincia di Benevento un articolato e completo progetto di Microcredito imprenditoriale e sociale che ha previsto, nello specifico, la costituzione di due Fondi Di Garanzia:
– il Fondo di Garanzia Vincenzo Perriello posto a garanzia di interventi di microcredito finalizzati a sostenere l’avvio o lo sviluppo di un’attività di lavoro autonomo o di microimpresa, ovvero a promuovere l’inserimento di persone fisiche nel mercato del lavoro nel territorio della Provincia di Benevento
– il Fondo di Garanzia Agnese Zolli posto a copertura del rischio per interventi di microcredito di inclusione sociale-finanziaria, destinati in favore di persone fisiche che si trovino in condizioni di particolare vulnerabilità economica o sociale e risultino residenti nel territorio della Provincia di Benevento.

Scarica il programma dell’evento in formato Pdf >> Presentazione Progetto di Microcredito

1. Microcredito imprenditoriale
Applicazione del Fondo di Garanzia Pubblica per le PMI
In via preliminare e prioritaria, tutte le domande di finanziamento di Microcredito Imprenditoriale dovranno essere presentate alla Banca dai soggetti richiedenti a valere sulla garanzia pubblica del Fondo per le PMI.
Requisiti di accesso:
– Per le imprese: possesso di partita I.V.A. e iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio ove è ubicata la sede legale dell’impresa;
– Per i liberi professionisti: possesso partita I.V.A. e iscrizione all’ordine professionale di pertinenza.
Le imprese e i professionisti già in possesso dei suddetti requisiti, possono recarsi presso uno sportello della Banca ed effettuare richiesta di microcredito a valere sulla garanzia pubblica per le PMI.
I soggetti privati che non abbiano ancora costituito l’impresa possono in alternativa recarsi dapprima, per un colloquio informativo-conoscitivo, presso uno degli operatori accreditati di servizi ausiliari dell’Ente Nazionale per il Microcredito ed effettuare uno studio di prefattibilità della propria idea progettuale.
Una volta valutata l’opportunità di costituire la società e in possesso dei requisiti necessari per accedere al microcredito ( possesso partita i.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio per le imprese – possesso partita i.v.a. e iscrizione all’ordine professionale di pertinenza per i liberi professionisti ), i soggetti privati interessati possono successivamente recarsi presso uno sportello della Banca ed effettuare la richiesta di finanziamento di microcredito.
L’operatore dello sportello, previo controllo delle pregiudizievoli a carico del richiedente (protesti- pignoramenti), provvederà ad inoltrare all’Ente Nazionale per il Microcredito formale richiesta di Tutoraggio.
Si precisa che il Fondo non effettua alcuna valutazione di merito di credito.
Il Tutor del Microcredito contatta il cliente per definire l’incontro. Successivamente comunica alla filiale se l’istruttoria di Microcredito sarà terminata entro i 30 giorni previsti o in caso eccezionali entro un massimo di 120 gg, a seconda della complessità della singola pratica istruita.
Il tutor del Microcredito comunica alla Banca il risultato.
L’operatore di sportello comunica entro 30 giorni l’erogazione o la mancata concessione del finanziamento.
L’importo deliberato verrà reso disponibile al cliente per il 20% dell’importo richiesto, previa firma di un’autodichiarazione di destinazione d’uso dell’importo, mentre il restante 80% verrà vincolato con prenotazione sul conto corrente ed i pagamenti verranno effettuati direttamente dalla Banca alla presentazione dei giustificativi di pagamento.
Applicazione del Fondo di Garanzia Vincenzo Perriello con copertura al 100%
Nei casi in cui le condizioni e/o i requisiti in possesso dei soggetti richiedenti il finanziamento, non permettano l’erogazione del finanziamento assistito dalla garanzia pubblica del Fondo per le PMI, si attiverà a garanzia di tali richieste di particolari criticità il Fondo Di Garanzia Vincenzo Perriello per il Microcredito Imprenditoriale.
Ferma restando quindi l’operatività illimitata del Fondo Di Garanzia per le PMI sulle operazioni di microcredito imprenditoriale, il Fondo Di Garanzia Vincenzo Perriello verrà escusso solo in via sussidiaria rispetto alla Garanzia Pubblica, per permettere il finanziamento di quelle pratiche di finanziamento ritenute non finanziabili per mezzo della garanzia pubblica.
La Banca contatterà il tutor di microcredito esplicando per iscritto i motivi ostativi all’attivazione della procedura di accesso al Fondo di Garanzia Pubblica.
Il Tutor, pertanto, qualora lo riterrà opportuno, potrà proporre la richiesta di finanziamento alla Banca, corredata dell’ammissione al beneficio della Garanzia del Fondo Vincenzo Perriello per il microcredito imprenditoriale.
L’ambito di operatività del Microcredito imprenditoriale a valere sul fondo di garanzia Vincenzo Perriello è disposto esclusivamente in favore dei soggetti residenti nella Provincia di Benevento.
Soggetti Beneficiari finali: soggetti richiedenti un Finanziamento di Microcredito che rientri in una delle seguenti tipologie:
– lavoratori autonomi (professionisti iscritti agli ordini professionali e non), anche associati tra loro, purché titolari di partita Iva da non più di 5 anni e con massimo cinque dipendenti;
– imprese che presentino nei tre esercizi antecedenti la richiesta di finanziamento, o dall’inizio dell’attività se di durata inferiore, (a) un attivo patrimoniale massimo annuo di € 300.000,00, (b) ricavi lordi fino a € 200.000,00 annui e (c) livello di indebitamento, anche per debiti non scaduti, non superiore a € 100.000,00. Tali imprese dovranno risultare essere costituite sotto forma di ditta individuale, purché titolare di partita Iva da non più di 5 anni e con massimo cinque dipendenti o sotto forma di società di persone, società a responsabilità limitata semplificate o società cooperative, purché titolari di partita Iva da non più di 5 anni e con massimo dieci dipendenti
– persone fisiche che desiderino frequentare corsi di formazione anche di natura universitaria o post-universitaria per facilitare il loro inserimento nel mercato del lavoro.
Finalità:
– acquisto di beni (incluse le materie prime necessarie alla produzione dei beni o servizi e le merci destinate alla vendita) o servizi connessi all’attività;
– pagamento di retribuzioni di nuovi dipendenti o soci lavoratori;
– sostenimento dei costi per corsi di formazione aziendale;
Caratteristiche:
Mutuo chirografario: a tasso fisso
Durata: minima 24 mesi e massima 60 mesi aumentati di 6 mesi in caso di preammortamento
Importo max: € 25.000,00
Garanzia principale: pubblica del Fondo di Garanzia per le PMI con copertura all’80%. La Banca potrà richiedere ulteriori garanzie personali (non reali) solo relativamente alla parte non coperta dalla garanzia pubblica;
Garanzia residuale: del Fondo di Garanzia Vincenzo Perriello con copertura al 100% finanziato dal soggetto donatore e gestita dall’Ente Nazionale per il Microcredito;
Spese di istruttoria pari a 0,25% su importo erogato;
Tasso 3%;
Non sono previste commissioni per i Servizi di Tutoraggio forniti da Ente Nazionale del Microcredito.
2. Microcredito Sociale
Applicazione del Fondo di Garanzia Agnese Zolli con copertura al 100%
Tutte le domande di finanziamento di Microcredito sociale dovranno essere presentate alla Banca dai soggetti richiedenti, corredate dalla richiesta di accesso alla Garanzia del Fondo Agnese Zolli.
L’intervento del Fondo di garanzia de quo è volto a sostenere soggetti in condizioni di temporanea e particolare vulnerabilità economica o sociale, che non trovano risposte al loro bisogno di credito nel circuito bancario tradizionale perché non in grado di fornire le necessarie garanzie per la restituzione del prestito.
Soggetti Beneficiari finali: persone fisiche che si trovino in una delle seguenti condizioni di particolare difficoltà economica-sociale:
– Stato di disoccupazione;
– Sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per cause non dipendenti dalla propria volontà;
– Sopraggiungere di condizioni di non autosufficienza propria o di un componente il nucleo familiare;
– Significativa contrazione del reddito o aumento delle spese non derogabili per il nucleo familiare.
Finalità:
– Acquisto di beni o servizi necessari al soddisfacimento di bisogni primari del soggetto finanziato o di un membro del proprio nucleo familiare ( spese mediche, canoni di locazione, spese per la messa a norma degli impianti della propria abitazione principale e per la riqualificazione energetica, tariffe per l’accesso a servizi pubblici essenziali, spese necessarie per l’accesso all’istruzione scolastica.)
Caratteristiche:
Prestito personale a tasso fisso;
Durata: minima 24 mesi e massima 36 mesi aumentati di 6 mesi in caso di preammortamento;
Importo max: € 10.000,00;
Garanzia: del Fondo di Garanzia Agnese Zolli con copertura al 100% finanziato dal soggetto donatore e gestita dall’Ente Nazionale per il Microcredito;
Spese di istruttoria pari a 0,25% su importo erogato;
Tasso 3% ;
Non sono previste commissioni per i Servizi di Tutoraggio forniti da Ente Nazionale del Microcredito.
3. Erogazione dei servizi ausiliari obbligatori di assistenza e tutoraggio
In ordine alle richieste di microcredito imprenditoriale la normativa di riferimento (art. 111 comma 1 del d.lgs. 385/93 (T.U.B.) e art 3 del D.M. n. 176/2014) prevede che nei confronti dei beneficiari finali vengano effettuati una serie di servizi ausiliari di tutoraggio in fase istruttoria e durante tutto il periodo di rimborso. Tali servizi dovranno essere erogati in conformità alle Linee guida pubblicate dall’Ente Nazionale per il Microcredito il 17 maggio 2016 e attraverso gli strumenti informatici che verranno messi a disposizione dell’Ente.
Nello specifico, dovranno essere eseguiti obbligatoriamente i seguenti servizi:
– supporto alla definizione della strategia di sviluppo del progetto imprenditoriale e all’analisi di soluzioni per il miglioramento dello svolgimento dell’attività.
– supporto alla definizione dell’idea d’impresa, al fine di verificarne la sostenibilità economico finanziaria.
– supporto all’individuazione e diagnosi di eventuali criticità del progetto finanziato e orientamento verso le possibili soluzioni al fine di prevenire eventuali criticità dell’impresa.
Diversamente, potranno essere eseguiti ulteriori servizi di assistenza quali:
– supporto per la soluzione di problemi legali, fiscali e amministrativi e informazioni circa i relativi servizi disponibili sul mercato;
– supporto alla definizione dei prezzi e delle strategie di vendita, con l’effettuazione di studi di mercato;
– formazione sulle tecniche di amministrazione dell’impresa, sotto il profilo della gestione contabile, della gestione finanziaria, della gestione del personale;
– formazione sull’uso delle tecnologie più avanzate per innalzare la produttività dell’attività.
In ordine alle richieste di microcredito sociale la normativa attuale (art. 111 comma 3 del d.lgs. 385/93 (T.U.B.) e art 5 del D.M. n. 176/2014) prevede che nei confronti dei beneficiari finali vengano forniti durante tutta l’intera durata del piano di rimborso del finanziamento dei servizi ausiliari di assistenza di bilancio familiare. Tali servizi sono:
– Supporto all’individuazione di soluzioni utili a migliorare la gestione dei flussi delle entrate e delle uscite;
– Educazione finanziaria.

Scarica il programma dell’evento in formato Pdf >> Presentazione Progetto di Microcredito
[fbcomments]