Uno di noi: discuterne è democratico

Scritto da Erminia. Pubblicato nella categoria Salute

Quasi due milioni di persone, circa il 10% degli elettori europei, hanno firmato in meno di un anno l’iniziativa dei cittadini Ue “Uno di noi” per la tutela dell’embrione e il diritto alla vita. L’audizione di domani è l’atto dovuto di un procedimento democratico.

Dall’Italia, prima tra i 28 paesi membri per numero di firme, la richiesta – ostruzionistica – dell’On. Locatelli affinché la Commissione Ue non dia seguito all’iniziativa. Tale richiesta, corredata da un elenco di “effetti cataclismatici” basati sulla contrapposizione tra i diritti della donna e quelli del concepito, non è soltanto ideologica, ma anche dannosa. Le indagini scientifiche hanno consentito di fare scoperte fondamentali, che ci consentono di prevenire malattie, di fare diagnosi precoci, di curare e alleviare il dolore.

Sacchetti di plastica: l’Italia dalla parte delle lobby

Scritto da Erminia. Pubblicato nella categoria Ambiente, Rifiuti

L’Italia, così indietro nel riciclo e nella gestione dei rifiuti, punta a diventare il modello europeo nella normativa sui sacchetti di plastica. In nome della tutela dell’ambiente il nostro paese ha introdotto nell’ordinamento giuridico una norma che, una volta a regime, decreterà la morte dei piccoli imprenditori a favore delle grandi lobby del settore. Posizione oggi in contrasto con le norme Ue, ma che dalla prossima settimana potrebbe essere non soltanto validata, ma anche esportata negli altri stati membri.

Macroregione Mediterranea: da Renzi la via, ora la parola al Parlamento Ue

Scritto da Erminia. Pubblicato nella categoria Macroregione Mediterranea

La strategia adriatico ionica sarà uno dei dossier sul tavolo dei negoziati durante il semestre di presidenza italiana. Si deve partire da questo risultato, faticosamente raggiunto, per rilanciare la creazione della Macroregione del Mediterraneo.
Questo l’obiettivo dell’emendamento al bilancio che ho presentato oggi.

Micron Technology: è crisi aperta in Italia! Vera #svoltabuona è definire una chiara strategia nazionale industriale

Scritto da Erminia. Pubblicato nella categoria Lavoro

I dipendenti della Micron Technology, ex multinazionale americana passata ai giapponesi che conta 1200 dipendenti e diverse sedi in Italia, si mettono in vendita prima di essere licenziati. E’ soltanto l’ultimo atto di protesta di un gruppo di lavoratori altamente qualificati che non hanno ancora ricevuto ad oggi alcun segnale dal Governo. Il silenzio del Premier Renzi preoccupa. Del 5% dei licenziamenti totali decisi (molti dei quali colpiranno il personale della sede di Arzano) dalla Micron, il 50% si abbatterà sulla forza lavoro italiana. E’ un segnale preoccupante.
Dall’elettronica alle ceramiche, dal tessile alle energie rinnovabili, dalla chimica all’elettrodomestico, fino all’automotive: è crisi aperta in Italia!

Contatti

Segreteria di Benevento
Tel: +39 0824 21203

Segreteria di Roma
Tel: +39 06 85352199
Fax: +39 06 85356818

Scrivimi